I fondamentali

Basketball

Per realizzare lo scopo del gioco nel rispetto delle regole, i giocatori compiono gesti tecnici che si chiamano “fondamentali”. Sono la base del gioco, l’alfabeto, gli strumenti del giocatore per praticare lo sport della pallacanestro. Se molte sono le regole, altrettanti sono i fondamentali. Possiamo però racchiuderli in pochi punti essenziali: solo 4 i principali, un’infinità quelli evoluti. Ci sono i “fondamentali individuali”, il controllo del corpo e dell’attrezzo (il pallone). I “fondamentali di squadra”, il controllo da parte dei componenti di una squadra dei reciproci movimenti e spostamenti in relazione a quelli degli avversari, per la costruzione e la realizzazione delle strategie e delle tattiche di gioco.

Potremmo sintetizzare i 4 principali in:

Saper TIRARE, per realizzare i canestri, scopo del gioco.
Saper PASSARE, per costruire azioni che consentano di procurare le possibilità di tirare, con migliore probabilità di fare canestro per tutti i componenti la squadra.
Saper PALLEGGIARE, per rispettare le regole che impediscono di camminare con la palla in mano, per potersi spostare sul campo controllando il pallone.
Saper DIFENDERE, per tentare di ostacolare gli avversari nei loro movimenti finalizzati a realizzare il canestro.

Il TIRO: è l’anima del basket, il fondamentale che permette di realizzare i punti e quindi vincere le partite. Ci sono molti tipi di tiro: piazzato (il più naturale ed immediato), in sospensione (plastico ed elegante), in terzo tempo (l’entrata a canestro, il solo gesto che prevede la parziale deroga all’impossibilità di camminare con la palla in mano), e anche la spettacolarissima “schiacciata a canestro”, realizzabile solo da pochi.

Il PASSAGGIO : che si realizza con la spinta impressa dalle braccia e dalle mani al pallone, indirizzandolo verso un compagno. L’importanza del passaggio è direttamente proporzionale all’efficienza del gioco: buoni passaggi procurano buoni tiri, e buoni tiri procurano i punti. Ci sono molti tipi di passaggio: a due mani, a una, tipo baseball, laterale, ognuno con una specifica tecnica e una particolare scelta esecutiva, in relazione alla situazione di gioco.

Il PALLEGGIO: che si attua con la spinta del pallone verso il pavimento, dal quale il pallone rimbalza per tornare nella mano del giocatore, in continuità e senza interruzione del gesto. Le regole per il controllo del pallone in palleggio sono numerosissime e riguardano le infrazioni di imperfetto controllo, “passi” e “doppio palleggio”.

I MOVIMENTI DIFENSIVI: sono quelli che permettono di mantenere la “POSIZIONE DIFENSIVA” durante lo spostamento; nel basket l’atteggiamento difensivo e gli spostamenti, scivolamenti e flottaggi, non sono naturali. Sono state adattate tecniche specifiche per tentare di ostacolare l’iniziativa dell’attaccante nel rispetto delle regole di gioco, in particolare per non causare urti. Si realizzano mediante una sorta di passo laterale, ottenuto divaricando e riunendo parzialmente i piedi, mantenendo equilibrio dinamico e sempre fronteggiando l’attaccante. L’efficienza della difesa è strettamente connessa alla rapidità degli spostamenti.

Esistono poi gli altri fondamentali, come il blocco, il tagliafuori, il rimbalzo, il taglio, gli aiuti difensivi, tutti termini del gergo tecnico.


ball of basketball            ball of basketball            ball of basketball